Insalata di barbabietola rossa, mela e carota

Immagine

“Nessuna esperienza si vive per niente e tutto, prima o poi, può tornarti utile nella vita”. È il mantra che mi sono ripetuta spesso, soprattutto nei momenti in cui mi ritrovavo a fare lavori che avrei preferito non fare, come la cameriera, o a dedicarmi ad attività che lì per lì potevano sembrare perfettamente inutili, come seguire un corso di teatro o preferire il corso di cinema che facevano a Lettere a quello di patologia vegetale della mia facoltà.

La stessa frase è, in sostanza, il succo della prima parte del celebre discorso che il controverso Steve Jobs fece all’Università di Stanford, e di recente l’ho ritrovata anche in un aneddoto che Carlo Petrini racconta nel suo libro “Buono, pulito e giusto”. Ok, avere la stessa filosofia di vita di Jobs e Petrini non mi ha permesso di sviluppare tecnologie che computer e cellulari di mezzo mondo utilizzano (e di fare un sacco di soldi), né tanto meno di fondare un movimento internazionale come Slow Food (e di fare un sacco di soldi), però qualcosina nel mio piccolo l’ho imparato.

Facendo la cameriera, per esempio, tra un’ordinazione e l’altra e con l’occhio sempre attento a ciò che accadeva in cucina, ho imparato che rape rosse, mela e carote, se grattugiate insieme e condite con succo di arancia e limone, olio, sale e pepe, formano un connubio talmente perfetto da riscuotere l’approvazione anche del più fervente carnivoro.

Per comprendere il valore nutrizionale di questo piatto basta soffermarsi sui colori degli ingredienti per capire che rappresentano tutti un’importante fonte di vitamine, in particolare del gruppo A, B, e C, di antiossidanti, come flavonoidi e betacarotene, e di sali minerali. La fibra, solubile e insolubile, come per tutti gli alimenti di origine vegetale, anche negli ingredienti che compongono il nostro piatto è presente in buone quantità. La barbabietola, inoltre, risulta particolarmente ricca di ferro, il cui assorbimento da parte del nostro organismo viene favorito dall’acido ascorbico (vitamina C) e dall’acido citrico presenti in arancia e limone.

Il livello di difficoltà della ricetta è di quelle che i libri di cucina solitamente classificano con un solo puntino, ovvero facilissima, e anche i principianti dei fornelli saranno capaci di replicarla.

Per quattro persone prendete tre barbabietole rosse (di quelle precotte che si trovano tranquillamente al fruttivendolo o in qualsiasi supermercato), due carote e una mela a consistenza croccante e non farinosa (per quantità maggiori mantenete le stesse proporzioni). Pelate e grattugiate gli ingredienti. Condite con il succo di mezza arancia e mezzo limone, olio, un pizzico di sale e di pepe.

Accompagnate l’insalata con dei crostini di paté o ricotta (come ho fatto io nella foto). In alternativa, utilizzatela come contorno al posto della solita lattuga, abbinata a carni saporite come il filetto di maiale, che ben si sposa con le note agrodolci della nostra insalata a base di barbabietola.

ImmagineImmagineImmagineImmagine

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Fotoricette di stagione (e spesso di tradizione) e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Insalata di barbabietola rossa, mela e carota

  1. Pingback: Insalata cruda di rapa rossa, mela e carota

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...